CHI SIAMO DOVE SIAMO COME RAGGIUNGERCI VI SEGNALIAMO CONTATTI
MOLFETTA, 24/07/2014 Facebook YouTube Myspace Flickr Twitter Google + Pinterest
Home Page
News Eventi Cultura Video Foto Gadget Shopping Ricette Tour Strada Meteo
ItalianoEnglishEspanolFrançaisGermanMolfettese

PrintNews
Fiorello a Molfetta

Fiorello a Molfetta MOLFETTA 10/07/2012


In collaborazione con la libreria il Ghigno, a Molfetta, verrà presentato il nuovo romanzo di Catena Fiorello

Domani sera, mercoledì 11 luglio, si terrà alle ore 21, presso il Circolo degli Amici in piazza Garibaldi 62, a Molfetta, l'incontro organizzato dalla libreria Il Ghigno per la presentazione del libro "Casca il mondo casca la terra", opera della scrittrice e giornalista Catena Fiorello per ed Rizzoli.

L'autrice, a Molfetta, converserà la giornalista e scrittrice Maria Pia Romano.

Catena Fiorello è una scrittrice e conduttrice televisiva. È sorella dello showman Rosario e dell'attore Giuseppe Fiorello.


- Catena, partiamo dal titolo…
Il titolo del libro prende origine dal famoso girotondo “casca il mondo, casca la terra”… che è anche la “canzoncina” che ha accompagnato l’infanzia della protagonista: Vittoria, una donna di cinquantatrè anni su cui ruota tutta la storia e che, alla fine, dimostrerà di essere una sorta di eroina dei giorni nostri.

- “Casca il mondo, casca la terra” ha anche un significato metaforico?
Direi di sì. A un certo punto, nella vita di questa donna, cade tutto il mondo che aveva costruito fino a quel momento. Un mondo che si rivelerà “finto”, come scoprirà sulla sua pelle. Prima c’era questa vita meravigliosa, fondata sulle comodità, su una posizione sociale invidiabile, su un marito ricchissimo, su figli apparentemente perfetti. Poi capita un terribile evento che farà crollare tutte queste “sicurezze”. Per cui, “casca il mondo, casca la terra” è da intendersi in senso lato.

- Dopo il successo del tuo precedente romanzo, “Picciridda”, cosa auspichi da questo nuovo libro?
Spero, intanto, che si capisca come vivo il rapporto con la scrittura. Per me scrivere non ha nulla a che fare con operazioni di marketing finalizzate a raffazzonare quattro pagine, farci un libro, mandarlo in libreria e invitare la gente a leggerlo. Tutt’altro. Tanto è vero che pubblico questo nuovo romanzo dopo sei anni dall’uscita del primo. Sei anni in cui ho riflettuto tantissimo su quale doveva essere il tema da affrontare, e su come doveva essere affrontato. C’è stato un anno in cui ho lavorato solo all’idea della storia, riflettendo su come volevo metterla giù. Ci ho lavorato moltissimo, effettuando vari cambiamenti, finchè non è venuta fuori una storia che per me era convincente.

- Ma come è nata l’idea?
Volevo raccontare soprattutto la storia di una madre. In effetti il titolo iniziale che avevo dato a questo libro era “Cuore nero”… perchè c’è un momento del romanzo in cui si sviluppa l’immagine di questa mamma e del suo “cuore nero”, appunto. Però questo titolo, a un certo punto, non mi ha convinta più, perchè al centro del romanzo non c’era solo il dolore indicibile che prova questa madre, ma tutto un insieme di cose che la portano a cambiare totalmente la sua esistenza. È vero che le capita un dolore e una tragedia immensa, ma è anche vero che lei fallisce non solo come madre… ma come donna, come moglie, come amica. Un fallimento in tutti i sensi.

- A un certo punto, però, lei stessa si rende conto di questo fallimento…
Sì. E diventa veramente un essere umano. Solo un essere umano. E nell’incontro con un’altra donna, che poi è la sua antagonista, sarà costretta a dirle “ma io sono solo una donna”, mentre fino a quel momento aveva pensato di essere la signora Vittoria Del Giusto, la “regina” di Roma. Ecco, questa consapevolezza la renderà più umana.

(Intervista pubblicata sul bimestrale cartaceo Notabilis)


Welcome in Molfetta




CERCA







 
© Associazione culturale “Oll Muvi” - Molfetta - CF 93369320721