A Molfetta la mostra fotografica: Plenilunio di Primavera

 

A Molfetta la mostra fotografica: Plenilunio di Primavera

 

Print

Molfetta, 13/04/2019


Sabato 13 aprile, vernissage a Molfetta (Museo Diocesano) della mostra dedicata ai riti Settimana Santa tra Puglia e Spagna e concerto di marce funebri del compositore Michele Carelli pubblicate dell’etichetta Digressione Music

Arriva anche a Molfetta, nel Museo Diocesano, la mostra fotografica «Plenilunio di Primavera» dedicata agli eventi pasquali della Settimana Santa tra Puglia e Spagna promossa dalla cooperativa FeArT e dall’associazione Puglia Autentica.

La mostra, che verrà inaugurata sabato 13 aprile, alle ore 19, e resterà aperta a ingresso libero sino al 25 aprile (orari di visita 10-13/17.30-20.30, chiuso lunedì e giorno di Pasqua), rientra nel programma di iniziative della Settimana Santa a Molfetta, e il giorno dell’inaugurazione verrà seguita da un concerto di marce funebri.
Al vernissage intervengono l’assessore alla Cultura del Comune di Molfetta, Sara Allegretta, il Coordinatore PiiiL Cultura in Puglia, Paolo Ponzio, il presidente di FeArT (ente gestore del Museo Diocesano), Paola de Pinto, il curatore scientifico della mostra e presidente di Pugliautentica, Gaetano Armenio, e il direttore dell’etichetta musicale Digressione Music, don Gino Samarelli.

Subito dopo l’inaugurazione, alle ore 20, è previsto il concerto di presentazione del cd “Michele Carelli 1838-1911”, un progetto discografico di Digressione Music dedicato alle marce funebri del compositore bitontino. Le musiche del disco verranno eseguite dall’Orchestra Sinfonica di fiati “Davide delle Cese” di Bitonto e dal soprano Angela Drimaco per la direzione di Vito Vittorio Desantis.

La mostra «Plenilunio di Primavera» comprende oltre quaranta scatti. Da un lato l’esposizione include foto sulla Settimana Santa pugliese, racconto per immagini che intende introdurre il visitatore in un percorso di fede e religiosità carico di emozioni e restituire il senso di questi antichi riti che, gelosamente conservati dalle confraternite locali, rivivono nelle tradizionali processioni. Ma per i visitatori sarà anche l’occasione per scoprire i suggestivi itinerari di una terra nella quale l’azzurro del mare contrasta con i paesaggi segnati dagli ulivi, dai vigneti e dalle masserie. La mostra restituisce, pertanto, momenti, simboli e gesti della Settimana Santa pugliese, a partire dalle suggestiva processione di Bitonto, dove la Madonna peregrina circondata da decine di candele in una città completamente al buio. Tra le altre immagini, quelle del Pellegrinaggio dell’Addolorata di Taranto, dell’accensione del falò di Noicattaro, della processione della Deposizione di Ruvo di Puglia, delle catene di Troia e della processione dei Cinque Misteri di Molfetta. E, ancora, scatti che ritraggono i Misteri di Gallipoli e i riti di Vico del Gargano, con le Madonne del Venerdì Santo e del Cristo Morto, le “fracchie” accese di San Marco in Lamis, la Processione della Desolata di Canosa di Puglia e molte altre ancora.

I riti spagnoli, affini per storia ed origini a quelli pugliesi, vengono presentati, a loro volta, in un’altra sezione tematica comprendente immagini della Settimana Santa di Valladolid, l’antica città della Spagna nordoccidentale nella quale i numerosi eventi culturali legati ai giorni della Passione ogni anno attraggono numerosi turisti da tutta la Spagna e dal resto del mondo. Gli scatti, molti dei quali messi a disposizione da Josè Luis Alonso Ponga, direttore del Centro Internazionale degli Studi sulla Settimana Santa dell’Università di Valladolid, mettono in evidenza il paesaggio urbano, le meraviglie scultoree, le tradizioni delle confraternite e quello delle musiche legate ai riti. E raccontano di come la secolare religiosità conviva con il contemporaneo attraverso il movimento delle persone nelle chiese e per le strade, i sapori e il cibo come momento di condivisione e i riti iniziatici con i quali i bambini vengono introdotti alla tradizione dai genitori.

L’iniziativa Plenilunio di Primavera, curata dal direttore scientifico Gaetano Armenio, presidente di Puglia Autentica, associazione che dal 2008 porta avanti il progetto Settimana Santa con un progressivo allargamento della rete di partner e attività, si propone di preservare e salvaguardare il patrimonio religioso della Puglia attraverso la conservazione, valorizzazione e promozione delle identità culturali e storiche delle tradizioni popolari, anche con un forte impulso all’innovazione e nell’ottica di un potenziamento del circuito del turismo culturale e religioso, con una particolare attenzione alla sostenibilità e alle politiche di destagionalizzazione.

Sono questi gli obiettivi prioritari del progetto, che pone il viaggio come momento fondamentale di confronto e di scambio con le realtà culturali europee, momento di analisi, di riflessione e di esplicitazione degli elementi comuni, delle diversità e delle contraddizioni presenti in queste terre nelle quali confluiscono culture, tradizioni, diverse eppure unite dalla stessa civiltà, quella che ha visto nascere e fiorire i popoli del bacino del Mediterraneo.

 

 

 




22/11/2019

Notte di Luce, note di Pace: i concerti di Natale 2019

Notte di Luce, note di Pace: i concerti di Natale 2019

22/11/2019

Concorso Nazionale Adotta un Monumento: il Torrione Passari di Molfetta

Concorso Nazionale Adotta un Monumento: il Torrione Passari di Molfetta

Video

ItalianWeddingAwards 2019 in Puglia to Roberto Pansini

ItalianWeddingAwards 2019 in Puglia to Roberto Pansini

Foto

Italian Wedding Awards Puglia 2019

Italian Wedding Awards Puglia 2019